Attività Pastorale Scolastica

Attività Pastorale Scolastica

 

Iniziative della Consulta di Pastorale Scolastica

 Nell’anno scolastico 2008-2009 si è cercato di coordinare le svariate iniziative che erano state programmate dalla Consulta Diocesana di Pastorale Scolastica.

 

Formazione degli educatori

Particolare risalto è stato dato alla formazione cristiana degli insegnanti, dei genitori e degli educatori per renderli  protagonisti e testimoni del Cristo nella scuola. A Siracusa, è stato proposto il cammino di riflessione “Dal sorgere del sole al suo tramonto”, tema biblico, tratto dai Salmi, scelto in quanto dà significato alla realtà passata e presente e risponde ad ogni esigenza umana e spirituale dell’uomo di oggi e di domani, e il loro messaggio universale raggiunge tutti nelle più diversificate situazioni. Gli incontri, già proposti da otto anni, sono stati tenuti mensilmente da biblisti e teologi, e hanno visto la partecipazione di un cospicuo numero tra dirigenti, docenti e personale ATA della Città.

 

L’attenzione educativa è stata rivolta, anche, ai genitori e ai nonni. Per i genitori, l’Ufficio  ha organizzato “Costruiamo le speranze. Scuola per i genitori”; un laboratorio di ricerca, di formazione e di condivisione di problematiche educative comuni, volto a porsi interrogativi e a darsi risposte. Un percorso formativo volto a renderli più consapevoli del proprio ruolo educativo.

La “scuola” ha cercato di delineare nuovi stili di comunicazione familiare, di mettere in comune con il dialogo le diverse esperienze personali, di sperimentare nuovi approcci educativi in grado di incidere più efficacemente nel percorso formativo. A tal proposito sono state sviluppate diverse tematiche, in verità non facili, nella considerazione del fatto che oggi più che in passato il mondo giovanile vive un’incertezza di valori e l’esigenza di incisive figure di riferimento. Gli incontri sono stati tenuti da studiosi del mondo educativo, particolarmente impegnati nello studio della realtà odierna sotto l’aspetto psicologico e pedagogico. L’esperienza si è conclusa con la pubblicazione di un volume. Per i nonni, sempre più importanti e necessari  nella vita della famiglia in quanto essi accompagnano i nipoti nella fase più interessante e particolarissima della crescita,  è stato realizzato un corso di formazione dal tema: “La memoria, il futuro. Nonni e nipoti: un valore per la famiglia e la società”. La motivazione di questa “scuola per i nonni” è stata quello di creare un laboratorio di ricerca e di confronto sulle problematiche educative che oggi maggiormente li impegnano e li invitano a rivisitare. E’ stato sottolineato che la nostra società non deve solamente accettare la loro presenza, ma deve riconoscere le loro capacità che diventano patrimonio da lasciare in eredità, e quindi  i famosi “beni di famiglia”. Come prima cosa gli anziani che sono diventati nonni trasmettono ai propri nipotini i valori. Sono valori quei principi che danno un senso alla vita. La trasmissione dei valori si ottiene se si creano relazioni tra i nipoti e i nonni. E’ stato ribadito, inoltre, che oggi il ruolo del nonno è diventato importante, e spesso essenziale, in quanto ha sopperito al vuoto lasciato dai genitori nell’educazione dei figli. Una volta il ruolo dei nonni era di essere confidente per i nipotini. Oggi con il sempre maggiore impegno lavorativo dei genitori, i nonni sono diventati gli artefici della loro crescita e accompagnamento nella vita. Tutto questo è andato maggiormente consolidato in quanto è cambiato il ruolo grazie a una maggiore disponibilità finanziaria e al miglioramento delle condizioni di salute degli anziani. I diversi contributi sono stati raccolti in un volume.

 

Formazione degli studenti

Nel corso dell’anno scolastico l’Ufficio, seguendo l’invito del Santo Padre Benedetto XVI di approfondire la personalità e l’opera di san Paolo, ha bandito un concorso per una produzione di opere artistiche sul tema: “I bambini e i ragazzi raccontano san Paolo”. Gli alunni degli istituti comprensivi hanno prodotto circa ottocento lavori sull’opera di evangelizzazione dell’“Apostolo delle genti”, che trascorse tre giorni a Siracusa, nel suo viaggio verso Roma. Le opere sono state esposte, nel mese di maggio, nella Chiesa bizantina di San Tommaso in Ortigia a Siracusa. Per quanto concerne gli studenti delle scuole medie di II  grado della Città, sono stati realizzati degli incontri su temi a carattere storico, letterario, artistico, filosofico e giuridico, volti ad ampliare anche la preparazione agli esami di Stato. A conclusione del ciclo di incontri, gli studenti insieme ai docenti hanno partecipato alla presentazione del volume “La letteratura e il Sacro” di Francesco Diego Tosto, docente di Lettere presso il Liceo Scientifico “G. Galilei” di Catania. Agli alunni è stato rilasciato un attestato valido per il “credito formativo”.

 

L’impegno per i più deboli

E’ stata data attenzione, anche ai docenti che per raggiunti limiti d’età hanno dovuto lasciare il mondo educativo. Molti di loro si sono impegnati a realizzare un percorso formativo all’interno delle carceri. Un nutrito gruppo ha partecipato al progetto di alfabetizzazione realizzato nella casa di reclusione di Floridia, dove da novembre a maggio, hanno incontrato gli stranieri e tenuto corsi di lingua italiana e di conoscenze delle tradizioni culturali del nostro Paese. Il progetto ha visto la collaborazione dei soci dell’AIMC.

Un corso di teologia e un altro di iconografia bizantina sono stati tenuti nella casa di reclusione di Augusta. Il primo ha fatto seguito a corsi tenuti negli anni precedenti e finalizzati al conseguimento del diploma di ragioniere. Negli anni passati, infatti, alcuni detenuti hanno potuto sostenere gli esami di Stato grazie alla disponibilità dei docenti volontari della “Caritas Diocesana”, e quattro di loro hanno avuto la possibilità di  accedere all’università. Uno di questi, l’anno scorso, ha concluso con la laurea di primo livello l’Accademia di Belle Arti, gli altri tre continuano il corso di studi in giurisprudenza e in economia aziendale, grazie all’intervento, oltre che all’impegno dei volontari, di alcuni professori inviati dall’università che permettono ai detenuti di sostenere gli esami.  Nella Casa di Reclusione di Augusta da diversi anni, in collaborazione con l’Atelier di iconografia dell’Associazione Russia Cristiana “San Vladimir” di Siracusa, è stato anche attivato un corso di iconografia bizantina a cui hanno partecipato otto detenuti. Nel mese di maggio, a conclusione del corso, le opere pittoriche sono state esposte al pubblico nella mostra “Echi dal carcere. Icone e opere realizzate dai detenuti della Casa di reclusione di Augusta” conseguendo  un buon successo.

 

Pellegrinaggio del mondo della scuola a Lourdes

Alla Vergine Maria, come prima educatrice, l’Ufficio di Pastorale scolastica ha voluto riservare un ruolo di primaria importanza prendendola a modello. Per tale motivo, al termine dell’anno scolastico è stato realizzato per il mondo della scuola un pellegrinaggio a Lourdes, guidato dall’arcivescovo di Siracusa mons. Salvatore Pappalardo, che ha visto la partecipazione di oltre cento persone tra dirigenti, docenti, personale ATA e dell’Ufficio Scolastico Provinciale, genitori e alunni delle diverse fasce di età.

 

Gli incontri con il mondo universitario

Un’attenzione particolare è stata rivolta al mondo dell’Università.  A Siracusa, da diversi anni, ha sede la Facoltà di Architettura. Inoltre la Facoltà di Lettere di Catania, da alcuni anni,  ha attivato un Corso di laurea con specializzazione in Beni Culturali. Nelle due università, l’Ufficio Diocesano per l’Educazione Cattolica, la Scuola e l’Università ha realizzato un cammino di riflessione rivolto agli studenti, ai docenti e agli operatori del mondo universitario per affrontare insieme la “conoscenza” come Via di Verità. Il progetto “Sapere: dalla scienza alla sapienza” è stato strutturato in 8 incontri, con cadenza mensile, durante i quali si è dibattuto sulle  tematiche attuali di grossa responsabilità scientifica: Acquisizione del sapere e vocazione cristiana; l’armonia tra fede e ragione e l’unità della persona; il linguaggio della Bellezza sorgente feconda della Verità; gli interrogativi dell’uomo di fronte alle leggi della natura; conoscere se stessi per conoscere la Verità; legge umana e legge divina: possibile connubio?; economia e uso sussidiario dei beni; bioetica e cura del malato. La scelta degli argomenti da approfondire è nata dalla consapevolezza che per una persona che intende e sa usare la ragione nelle sue molteplici e diverse applicazioni è importante approfondire le interferenze della propria formazione scientifica con il dettato teorico ed etico della fede cristiana. 

                                                     

 

                                                               Don Giuseppe Lombardo

                                                                            Direttore