A.I.M.C.‎ > ‎

Cento piazze

A. I. M. C.

 

CENTO PIAZZE
PER LA SFIDA EDUCATIVA
 

Progetto

 

L’emergenza educativa tra passato e presente
L’Associazione Italiana Maestri Cattolici (AIMC), nasce ad opera di Carlo Carretto e Maria
Badaloni su incoraggiamento di sua Santità Pio XII che, durante l’udienza del 4 novembre
del 1945, diede ufficialmente avvio alla vita dell’Associazione.
In sessantacinque anni, l’AIMC, come libera e democratica associazione professionale, ha
riunito docenti e dirigenti della scuola dell’infanzia e del primo ciclo per “operare in
solidarietà nella scuola e nella società secondo i principi del Vangelo” (Statuto, art. 1).
L’impegno è andato nella direzione di promuovere la formazione umana, professionale,
sociale e religiosa dei professionisti della scuola, ma anche di bambini, ragazzi e adulti,
affrontando l’emergenza educativa sin dagli anni del dopoguerra, promuovendo
l’alfabetizzazione di massa, la scuola popolare, la sperimentazione e la ricerca,
l’innovazione pedagogica e didattica… nell’ottica del “prendersi cura” delle persone
secondo i principi della Costituzione e del Vangelo.
L’AIMC sente ancor oggi viva questa
emergenza che, pur non essendo la stessa del
periodo post-bellico, non è meno forte e urgente
nel contesto di crisi valoriale ed educativa
attuale.
Per questo, come oltre sessant’anni fa, vive il
senso della sfida educativa e intende
impegnarsi a realizzare occasioni e contesti per
discutere e ripensare l’educazione per una
scuola che orienta e forma persone e cittadini
responsabili e solidali.
L’idea è quella di gettare un ponte simbolico tra
passato e presente, tra l’Italia del dopoguerra e l’Italia di oggi altrettanto disorientata, tra
l’emergenza educativa di allora e quella di oggi.


Le finalità del progetto
Le attività che s’intendono realizzare hanno tutte in comune la finalità di far prendere
coscienza al maggior numero di persone dell’urgenza-emergenza di ripensare e rifondare
l’educazione, snodo fondamentale per uno sviluppo più umano e solidale in un momento
di incognite e conflitti, di globalizzazione e di fondamentalismi, d’incertezze educative e
incapacità di orientare la vita individuale e sociale dei giovani. Si tratta di una serie di
proposte per ribadire la necessità di puntare sulla dimensione propriamente educativa
oltre che conoscitiva del fare scuola.
Una seconda finalità è costituita dalla volontà di diffondere non solo le proposte, frutto
dell’elaborazione interna all’Associazione, ma anche i contenuti essenziali del Progetto
culturale sulla sfida educativa in Italia oggi e dare il proprio contributo agli ormai prossimi
Orientamenti pastorali 2010-2020 che la Conferenza Episcopale Italiana ha indicato alle
comunità ecclesiali del Paese. Di tale progetto, l’AIMC condivide non solo l’analisi e il
quadro valoriale di riferimento, ma anche l’idea di scuola e la necessità di creare
un’alleanza per l’educazione tra tutti i soggetti interessati. Per questo, le attività non
saranno limitate alla realizzazione di un Convegno e al ristretto ambito scolastico, ma
tenteranno di intercettare anche le famiglie, l’associazionismo, il mondo dei media…
scendendo nelle piazze e facendo sentire la propria voce.
Alla consapevolezza e alla diffusione di proposte si aggiunge una terza finalità: quella di
realizzare concretamente iniziative di solidarietà educativa, attraverso la raccolta di fondi
per la costruzione di una scuola in Burkina Faso, per l’adozione di un’educatrice rumena,
per l’assegnazione di borse di studio a studenti universitari per tesi su tematiche
educative.


La cornice: i 65 anni di vita dell’AIMC
Tutte le attività si svolgeranno nell’ambito della celebrazione del LXV anno di nascita dell’AIMC
che, in tutti questi anni, ha continuato e continua ancora oggi a credere e a promuovere la
passione di educare, l’impegno dei laici cristiani al servizio della scuola e del Paese per un
nuovo umanesimo, la centralità della persona e i valori del Vangelo, la formazione e lo sviluppo
del professionista di scuola, educatore delle nuove generazioni.
Come sessantacinque anni fa, l’AIMC, presente su tutto il territorio nazionale nelle diverse
articolazioni sezionali, provinciali e regionali, attiva esperienze di scambio professionale e
organizza incontri, dibattiti, stages su questioni educative, formative e di politica scolastica.
L’Associazione, inoltre, partecipa attivamente alla gestione democratica delle istituzioni
scolastiche, rendendo espliciti i “saperi di scuola” e i “saperi della professione”.
La realizzazione delle attività di seguito illustrate
sarà occasione per ribadire che la sfida sociale
attuale richiede sensibilità educativa, costruita
attraverso la cooperazione delle migliori risorse
istituzionali e del volontariato professionale,
innovazione, quale dimensione costitutiva
permanente della professione docente, attivazione
di sinergie e alleanze tra la scuola, associazionismo,
quale espressione di vera partecipazione
democratica, le famiglie, i media…


Le iniziative
Cento piazze per la sfida educativa
Quest’iniziativa prevede:
1. l’allestimento di uno o più gazebo in cento piazze d’Italia;
2. la distribuzione dell’opuscolo “Vincere insieme la sfida educativa”;
3. l’iniziativa “Un quaderno per un amico”, vendita di coppie di quaderni per la raccolta di
fondi da destinare a tre iniziative benefiche:
- contribuire alla costruzione di una scuola primaria in Burkina Faso dell’Associazione
“Progetto Famiglia” di Angri (SA);
- conferire cinque borse di studio a neolaureati con tesi sull’Educazione o sulla
professione docente;
- sostenere l’iniziativa “Adotta un’educatrice in Romania” della Cooperativa sociale “
Il piccolo principe”, promossa dai Frati minori cappuccini della Custodia di Romania.
L’iniziativa è particolarmente significativa sin dalla scelta dell’oggetto offerto in cambio del
contributo: l’acquisto di due quaderni. Il quaderno rappresenta, nell’oggi tecnologico della
pluralità dei supporti e degli strumenti, il riappropriarsi non nostalgico di un supporto neutro
e, per questo, ricco nella pluralità del suo utilizzo. Uno strumento che è simbolo esso
stesso del “fare scuola” e che, nella propria fisicità, ha il pregio di essere spazio
d’impegno, di narrazione, di memoria. Acquistarne due insieme vuol significare attenzione
all’altro che può passare anche attraverso un regalo simbolico, fuori dal consumismo
dell’oggi, vuole sollecitare le idee dell’altro, di un amico di sempre, di un amico di oggi, di
qualcuno che potrebbe o vorremmo diventasse amico.
Anche la scelta dei tre progetti che beneficeranno della raccolta fondi assume particolare
significato. Mentre la nostra ricca società occidentale vive l’emergenza educativa,
un’emergenza ben più drammatica è vissuta nei Paesi del Terzo mondo. Là dove la
conoscenza e il sapere possono veramente rappresentare la via per dare speranza e
futuro, la prima sfida da vincere è fornire “luoghi” all’educazione. Contribuire a costruire
una scuola rappresenta, quindi, nella sua “materialità” un modo per dare “solide radici e ali
per volare” a bambini e ragazzi di un villaggio nel Burkina Faso.
Sostenere l’iniziativa “Adotta un’educatrice in Romania” della Cooperativa sociale “Il
piccolo principe”, promossa dai Frati minori cappuccini della Custodia di Romania non vuol
essere sterile esterofilia, ma scelta di fornire “la canna da pesca e non il pescato” in un
contesto in cui l’impegno educativo deve essere fortemente sostenuto, fornendo ai
bambini e ragazzi romeni lì dove vivono una formazione generatrice di futuro.
Investire in formazione per il futuro è la motivazione della scelta di conferire mezzi
economici sotto forma di borse di studio a cinque giovani studenti delle università italiane
che si siano laureati con tesi sul tema dell’educazione o della professione docente. Un modo
per premiare l’impegno e fornire loro la possibilità di approfondire il lavoro di studio e ricerca.


Viaggio ideal-reale nei luoghi dell’educazione
Ci sono luoghi che come altri, ma più di altri, legano il proprio nome a storie, protagonisti,
eventi particolarmente evocativi quando si parla di educazione nel nostro Paese: Barbiana
di Don Milani, Zen o Scampia simboli del disadattamento, Reggio Emilia degli immigrati
ma anche dell’eccellenza scolastica, la Torino di
don Bosco e Roma della Montessori,… Queste
saranno le tappe di un viaggio fatto con lo stesso
modello di auto, una Fiat 1100 C, con cui negli Anni
’50 le maestre, i maestri e gli assistenti dell’Aimc
portavano la scuola popolare in piccoli e grossi
centri dell’Italia della ricostruzione fisica, ma
soprattutto culturale e valoriale nel dopoguerra.
Quell’impegno valse all’Associazione, il 2 giugno
del 1955, la medaglia d’oro del Ministero della
Pubblica Istruzione per “meriti educativi”. Con rinnovato impegno, l’Aimc del 2010 vuole
rifocalizzare l’attenzione su una scuola che esce dalle mura per andare a tessere alleanze
per la nuova sfida educativa.


Il Convegno nazionale Aimc
Il Convegno nazionale di sabato 13 novembre 2010 per celebrare i sessantacinque anni
dell’Associazione a Roma avrà come sfondo il tema della sfida educativa. Le dimensioni
identitarie professionale, ecclesiale, istituzionale, sociale, politica dell’Aimc e il suo ruolo
nella storia passata, presente e futura della scuola saranno analizzati da protagonisti della
storia e della vita del nostro Paese. Nell’ambito del
Convegno saranno consegnati attestati di benemerenza
a soci che da più di qurant’anni condividono la proposta
educativa dell’Aimc.


Il raduno a Piazza S. Pietro
Domenica 14 novembre 2010, in piazza S. Pietro si
raduneranno le delegazioni provenienti da tutte le sezioni
Aimc per salutare il Santo Padre Benedetto XVI e
riaffermare l’impegno incondizionato per l’educazione.